There is no “wrong” here at Zaboura

Ieri pioveva, oggi non piove. Solo in un posto continua a piovere. Il bagno di casa mia.

Il trasferimento è stato un mezzo trauma: quando sono arrivata la casa faceva più cagare del giorno prima, se possibile, Kat e Guy, i padroni di casa, si erano palesemente appena fatti di bamba e il bagno presentava nuove amenità: la perdita d’acqua dal cesso del piano di sopra e un calendario soft porno con un pompiere unto per ogni mese dell’anno attaccato alla porta. Perchè mettere un calendario sulla porta del bagno, chiederete voi. Perché c’è un buco delle dimensioni del Galles, sulla porta del bagno. Ma alla fine non è male, io e il mio compagno di sventure oggi abbiamo comprato detergenti, Oust e lanciafiamme e per domani dovrebbe essere in ordine (o almeno potremo farci la doccia senza prendere la leptospirosi).

Ma parliamo di cose più liete. Ho cominciato a lavorare.

Mercoledì ero abbastanza tesa e mentre andavo in ufficio mi sono versata il caffè sull’outfit del primo giorno. Ho dovuto spiegare che non mi ero vomitata addosso.

Maggie e Toby, i miei capi, sono adorabili e mi regalano gratificazioni continue. Perchè diciamoci la verità, le mie qualificazioni per questo lavoro sono inesistenti (faccio pubbliche relazioni per prodotti di tecnologia, studio strategie di vendita e passo la vita su excel che prima di mercoledì giaceva desolato nel dimenticatoio del mio computer. Secondo voi ho una vaga idea di quello che sto facendo? No).

Il mio ufficio quindi, essendo per l’appunto un ufficio di pubbliche relazioni, deve intrattenere rapporti con la stampa e con le aziende che producono nuovi aggeggini High-Tech di cui io non so assolutamente una fava. Andiamo a vedere le persone che costituiscono questa rete di rapporti:

-Bob, detto Sleazy Bob (il viscido Bob). Sleazy Bob è un tardo freak che si aggira per il suo ufficio con vista su Leicester Square in Birkenstock e pancia di fuori, cagando sterline e accarezzando i suoi falchi impagliati. C’è un motivo se lo chiamano Sleazy: è sleazy. Ci prova con qualsiasi cosa si muova e partorisce battute da accusa per sexual harassment. Esempio: Giulia, riferendosi a un bar: “Do you wanna come inside?” Bob, alludendo all’atto sessuale: “Mmm, of course I do”. I think I threw up in my mouth a little bit.

-Kevin, Clive, Paul e Joe: la cumpa di Nerd. Quando dico Nerd parlo di parody t-shirts con Darth Vader nel logo di starbucks e la scritta “StarWarsCoffee” con la stessa grafica, occhiali di chi non ci vede un cazzo perchè è da quando ha imparato ad usare il pollice opponibile che smanetta davanti a un monitor e carnagione di un malato terminale. Sembrano quattro variazioni di Michael Cera, sono totalmente privi di gusto estetico e nonostante la scarsa vita sociale sono simpaticissimi.

-Emily: Donna di potere franco-canadese. Ha mangiato una costata di maiale come se non ci fosse un domani. Fondamentalmente una strafiga

Li ho conosciuti tutti ieri sera a una cena di lavoro (come mi sento importante a dire “cena di lavoro”). La cena di lavoro in realtà consisteva in sfondarsi di alcool e cibo in posti da yuppie (Bob il vecchio hippy infatti non è entrato nel bar da Yuppie, nonostante l’invito della sottoscritta) e trasferirsi, ubriachi e a un passo dal vomito, alla Somerset House, al cinema all’aperto. Abbiamo visto un film che mi ha fatto sentire come se avessi preso degli acidi senza saperlo (“Scott Pilgrim vs. the World”, con Michael Cera per l’appunto. Non guardatelo se non vi piacciono battute non-sense, storie non-sense e personaggi non-sense) e siamo tornati a casa. In tutto questo nessuno ha parlato di lavoro. E io non ho mai aperto il portafoglio.

 

Giulia

4 pensieri su “There is no “wrong” here at Zaboura

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...